Home | Chi siamo | Newsletter | Contattaci | Login
Lo scrisse... Questions Somma Teologica Prega Collabora
Lo scrisse...

Cerca

Trovati 3 risultati per "Sofferenza di Cristo"
sant'Ignazio di Antiochia, Lettera agli Smirnesi, 2
Ignazio di Antiochia si schiera fermamente contro i doceti, i quali sostenevano che Cristo avesse sofferto solo apparentemente, e non realmente.
«Egli patì tutte queste sofferenze per noi, affinché fossimo salvi; e patì realmente, come realmente risuscitò se stesso, non come sostengono alcuni increduli, che egli patì apparentemente. Essi sono un’apparenza, destinati, in conformità al loro modo di pensare, ad essere senza corpo e simili ai fantasmi.»
Tags: Sofferenza di Cristo, Passione di Cristo, Docetismo
Riguardo: Patrologia
sant'Ignazio di Antiochia, Lettera agli Smirnesi, 4.1-2
Ignazio di Antiochia si schiera fermamente contro i doceti, i quali sostenevano che Cristo avesse sofferto solo apparentemente, e non realmente.
«1Io vi do questi consigli, o carissimi, pur sapendo che voi la pensate già così. Vi sto mettendo in guardia contro queste belve in forme umane, che voi non solo non dovete accogliere, ma, se è possibile, dovete cercare di non incontrare neppure, limitandovi a pregare per loro, se mai volessero convertirsi; cosa che è difficile, ma in potere di Gesù Cristo, nostra vera vita. 2Se ciò che il Signore nostro ha fatto è solo un’apparenza, anch’io sono incatenato solo in apparenza. E, allora perché io mi sono offerto alla morte per mezzo del fuoco, della spada, delle belve? Ma invece, essere vicino alla spada è essere vicino a Dio, essere con le fiere è essere vicino a Dio; purché ci si sia nel nome di Gesù Cristo. Per patire con Lui, io sopporto ogni cosa, perché me ne dà la forza Lui, che s’è fatto il perfetto uomo.»
Tags: Docetismo, Sofferenza di Cristo, Passione di Cristo
Riguardo: Patrologia
sant'Ignazio di Antiochia, Lettera agli Smirnesi, 5.1-3
Ignazio di Antiochia si schiera fermamente contro i doceti, i quali sostenevano che Cristo avesse sofferto solo apparentemente, e non realmente.
«1Vi sono alcuni che, per ignoranza, lo rinnegano, o piuttosto, è Lui che li ha rinnegati, perché essi sono avvocati della morte, piuttosto che della verità. Non li convinsero le parole dei profeti né la legge di Mosé, né fino ad ora, il Vangelo, né le sofferenze di ciascuno di noi. 2Poiché, anche a riguardo nostro, costoro la pensano allo stesso modo. Che mi giova infatti se alcuno loda me e bestemmia poi il mio Signore, negando che Egli ha preso carne? Chi nega questa verità rinnega pienamente Lui ed è egli stesso un becchino. 3Non mi è sembrato bene scrivere i loro nomi, perché sono infedeli. Possa io non far mai più menzione di loro, finché si siano convertiti alla passione, che è nostra risurrezione.»
Tags: Sofferenza di Cristo, Passione di Cristo, Docetismo
Riguardo: Patrologia
Ricerca avanzata
Filtra i risultati


Tematiche