Home | Chi siamo | Newsletter | Contattaci | Login
Biblioteca Questions Prega Collabora
Biblioteca

Cerca

Trovati 15 risultati per "

Male

"

Gaudium et Spes, 22
«Il cristiano certamente è assillato dalla necessità e dal dovere di combattere contro il male attraverso molte tribolazioni, e di subire la morte; ma, associato al mistero pasquale, diventando conforme al Cristo nella morte, così anche andrà incontro alla risurrezione fortificato dalla speranza»
Tags: Combattere il Male, Morire con Cristo
Genesis Rabbah, XIX, 3
«Non toccate (Gen 3,3). Come sta scritto: non aggiungere nulla alle sue parole, perché tu non sia punito e sia creduto menzognero (Pr 30,6). Insegnò R. Hijjah: non fare la siepe più grave della parte principale, che non cada e non distrugga la piantagione»
Tags: Legge di Dio, Comando, Albero della conoscenza del bene e del Male
J. De La Vaissière, Il pudore istintivo, 60-62
Vita e pensiero, Milano 1938
Tags: Pudore istintivo negli animali, Pudore animale
Riguardo: Sessualità
Philippe Nemo, La bella morte dell’ateismo moderno, 129
Rubbettino 2016
«Se infatti non esiste un Bene assoluto, che senso ha parlare di un Male assoluto? E se non c'è un Male assoluto che senso ha, alla fin fine, condannare la Shoah?»
Tags: Bene assoluto, Fondamento morale, Male assoluto
Riguardo: Teologia Morale
Pontificia Commissione biblica, Cos'è l'uomo, 300
«Infatti, le parole menzognere del serpente operano apparentemente gli stessi effetti che, nelle tradizioni sapienziali e oranti di Israele, vengono attribuiti al precetto del Signore: gli occhi vengono, per così dire, illuminati, quasi come fossero stati prima accecati da una presunta ingenuità, e la donna può vedere ciò che è "'buono"', "'appetibile"' e disponibile. Ma ciò che sembra bene agli occhi della persona umana, ingannata, si oppone radicalmente a ciò che è bene agli occhi di Dio. Invece del desiderio di Dio e del vero bene (Pr 11,23; 13,12), si scatena la brama per delle cose da consumare (Nm 11,4; Sal 78,29-30; 106,14). Invece di vedere tutti gli alberi del giardino come un dono di Dio, e nell'albero proibito il segno di una verità salvifica, la donna crede di scoprire che in tutto c'è solamente la menzogna del Creatore, mediante la quale Egli avrebbe nascosto la sua gelosia nei confronti degli uomini. In questo stravolgimento dei valori si può intuire come operi la suggestione "'diabolica"'. Il peccato è già avvenuto nel cuore (cfr. Mt 5,28), prima di essere visibile all'esterno»
Tags: Peccato originale, Albero della conoscenza del bene e del Male, Serpente
Riguardo: Sacra Scrittura
J.R.R. Tolkien, Il Signore degli Anelli, 338
Bompiani, Milano 2000
«Nulla infatti è malvagio sin da principio»
Tags: Tolkien, Il Signore degli Anelli, Male, Malvagità
Riguardo: Tolkien
san Tommaso d'Aquino, In duo praecepta caritatis et in decem Legis praecepta expositio, c.6
«Non può essere giustificata un'azione cattiva compiuta con una buona intenzione»
Tags: Azione morale, Male a fine di bene, Male a fin di bene, Il fine giustifica i mezzi, Il fine non giustifica i mezzi
Riguardo: Teologia Morale
san Tommaso d'Aquino, In duo praecepta caritatis: Opuscula theologica, II, n. 1168
«Accade con frequenza che l’uomo agisca con buona intenzione, ma senza profitto spirituale perché gli manca la buona volontà. Per esempio, uno ruba per aiutare i poveri: in questo caso, sebbene l’intenzione sia buona, manca la rettitudine della volontà perché le opere sono cattive. In conclusione, la buona intenzione non autorizza a fare un’opera cattiva. “Alcuni dicono: facciamo il male affinché venga il bene. Costoro sì che meritano la propria condanna” (Rm 3, 8)»
Tags: Azione morale, Male a fine di bene, Male a fin di bene, Il fine giustifica i mezzi, Il fine non giustifica i mezzi
Riguardo: Teologia Morale
san Tommaso d'Aquino, Summa Theologiae, I, q.14, a.10
Tags: Male conosciuto da Dio
Riguardo: Tomismo
san Tommaso d'Aquino, Summa Theologiae, I, q.48
Tags: Male
Riguardo: Tomismo
san Tommaso d'Aquino, Summa Theologiae, I, q.49
Tags: Causa del Male
Riguardo: Tomismo
san Tommaso d'Aquino, Summa Theologiae, II-II, q.76
Tags: Maledizione
Riguardo: Tomismo
san Tommaso d'Aquino, Summa Theologiae, III, q.71
Tags: Rito del battesimo, Esorcismo battesimale
Riguardo: Tomismo
André Wenin, Da Adamo, 69
«Il serpente riporta solo la parte negativa dell'ordine di Adonai Elohim, quella che pone il limite ("'non mangerete"'). Non fa quindi nessuna allusione al dono iniziale di "'ogni albero del giardino"'. In questo modo, nella sua bocca, l'albero proibito occupa tutto il posto e diventa esattamente l'albero che nasconde la foresta di tutti quelli che sono stati donati. [?] Senza il dono, infatti, la parola divina è solo una legge che proibisce di mangiare e di godere ? cioè, di vivere»
Tags: Serpente, Eden, Comando, Legge, Albero della conoscenza del bene e del Male
Riguardo: Sacra Scrittura
André Wenin, Da Adamo, 71
«Per lei [Eva], dunque, è proprio l'albero del conoscer bene e male a trovarsi "'in mezzo al giardino"', cioè l'oggetto del divieto divino. Ora, in 2,9, l'albero che Adonai Elohim pianta in quel posto è l'albero della vita. Cosa rivela questa inversione di posti? Probabilmente che, agli occhi della donna, al centro del giardino non c'è la vita ma il divieto»
Tags: Serpente, Eden, Comando, Legge, Albero della conoscenza del bene e del Male, Peccato originale
Riguardo: Sacra Scrittura
Ricerca avanzata
Filtra i risultati


Tematiche